Castello Aghinolfi: un salto nel passato

02 giugno 2017

A circa 3 chilometri dalla città di Massa e a 20 minuti di macchina da Forte dei Marmi, nella località di Montignoso – su un colle che domina la valle – si staglia imponente il Castello Aghinolfi, poderosa fortificazione altomedievale, nonché uno dei più antichi manieri italiani, posto a difesa della zona e mai espugnato durante i secoli passati.

Le sue mura racchiudono e raccontano la storia degli accadimenti che interessarono il territorio italiano a partire dal 753, quando il re Longobardo Astolfo diede il castello in dono al cognato. Punto di rifugio per tutte le popolazioni della zona in caso di pericolo, per secoli fu il castello più potente della vallata; nel 1300 passò sotto i domini della Repubblica Lucchese e, nel Cinquecento, divenne possedimento del re di Francia Carlo VIII.

Ma non sono solo le sue vicissitudini passate a renderlo un’attrazione turistica: la possente fortificazione stupisce soprattutto per la sua architettura. Tre recinti fortificati ospitano oltre cento dimore di quelli che erano gli abitanti della zona e anche la grossa torre ottagonale, il mastio ovvero il castello vero e proprio, collegato a una torre rotonda da cortine murarie.

Nel 2001 è stato portato a termine il lungo e necessario restauro che ha riconsegnato il castello alla sua comunità locale. All’interno, un pavimento in vetro mostra la stratigrafia delle pavimentazioni antiche e gli oggetti rinvenuti durante gli scavi. La terrazza del ristorante invece – dove si può gustare la tipica cucina apuana – offre la vista di un panorama che spazia sul litorale del Mar Tirreno, dalla Lunigiana fino a tutta la Versilia e, nelle belle giornate, oltre, fino alla Corsica.

Tag: #Versilia Castello Aghinolfi Longobardi Lunigiana Montignoso monumenti storici