Le ville di Lucca: opere d’arte immerse nel verde della campagna

13 agosto 2017

Prendi la macchina e preparati non a macinare chilometri, ma a vedere opere d’arte sotto forma di ville, le ville di Lucca. La campagna lucchese e tutta la zona collinare limitrofa nasconde un patrimonio di notevole bellezza costruito tra il XV e il XIX secolo e pensato per le classi agiate della società che volevano avere una residenza estiva alternativa.

Le ville di Lucca: opere d’arte tra giardini, portici e saloni affrescati

Ampi giardini, portici, saloni affrescati, statue, parchi con vasche e laghetti. Ciascuna delle ville di Lucca è un’oasi nella quale architettura, paesaggio, bellezza si coniugano per dar vita a dimore suggestive e al contempo eleganti. Vuoi sapere quali sono le più belle? Eccole di seguito!

Villa Grabau – San Pancrazio

Villa Grabau risale al Rinascimento, conserva ancora intatti mobili e dipinti d’epoca ed è una delle principali ville di Lucca. Edificata dai ricchi mercanti lucchesi Diodati sulle rovine di un borgo medievale, venne trasformata con tratti rinascimentali e infine neoclassici, e infine ceduta a Carolina Grabau, sposa di un ricco banchiere tedesco, nel 1868. Di notevole impatto è anche il parco: nove ettari di terreno che circando la villa con alberi secolari e varie rarità botaniche.

Villa Oliva – San Pancrazio

Fu Ludovico Buonvisi a volerla nel 1500 commissionandola a Matteo Civitali. Costituita da due saloni soprapposti nella parte centrale e da un suggestivo loggiato con colonne in pietra di Matraia che si affaccia sul maestoso parco di 5 ettari.

Villa Bernardini – Vicopelago

Risalente al tardo Rinascimento, la villa si presenta come blocco unico al centro dell’ampio parco. Voluta da Bernardo Bernardini è da sempre patrimonio di famiglia. Particolarissimo lo stemma della famiglia spesso riportato sulle pareti della villa e su numerosi mobili e realizzato con pitture e incisioni.

Villa Mansi – Segromigno a Monte

Esempio della cultura e della società dell’antica Repubblica Aristocratica della città di Lucca, villa Mansi fu la dimora dell’omonima famiglia nota in tutta Europa grazie al commercio della seta. Impossibile non guardare con stupore i numerosi affreschi ancora conservati al suo interno.

Villa di Camigliano – Camigliano

Esempio perfetto di architettura barocca in Toscana. La villa fu acquistata dal Marchese Nicolao Santini che la modificò volendo realizzare la sua piccola Versailles. Il parco mostra ancora i sontuosi particolari con il quale venne arricchito: parterres fioriti, grandi vasche con sorprendenti giochi d’acqua. Di grande impatto il viale di cipressi che porta all’entrata della villa.

Oggi il patrimonio delle ville di Lucca è in mano ai privati, ma è visitabile tutto l’anno secondo gli orari di apertura delle singole dimore.

Tag: #Lucca Camigliano San Pancrazio Segromigno a Monte Vicopelago Villa Bernardini Villa Grabau Villa Mansi Villa Oliva ville di Lucca