Nella piccola Atene toscana arriva il monumentale Valdés

26 giugno 2018

A Pietrasanta monumenti a cielo aperto

Monumentali sculture invadono la piccola Atene toscana. Inaugurata lo scorso 16 giugno, la mostra a cielo aperto proseguirà fino a fine settembre e vedrà come protagoniste alcune opere scultoree di grandi dimensioni dell’artista spagnolo Manolo Valdés. Un evento a riprova della forte vocazione culturale di Pietrasanta che la proietterà nel circuito espositivo internazionale, nonché un’occasione per ammirare da vicino e per la prima volta in Italia alcune delle creazioni dello scultore.

Valdés alla conquista del Bel Paese

Sono la centralissima piazza Duomo, il pontile di Tonfano, la chiesa e le scale di Sant’Agostino ad ospitare un monumentale Valdés. Opere – alcune alte più di dieci metri – in legno, bronzo, alluminio e anche i dipinti di grandi dimensioni presenti nei principali e più importanti musei d’arte del mondo, dal Metropolitan Museum of Art di New York al Centre Georges Pompidou di Parigi.

La personale – curata da Kosme María de Barañano – ha come obiettivo quello di far conoscere Valdés al grande pubblico dell’arte italiano. Gli addetti ai lavori descrivono lo spagnolo come uno degli artisti del contemporaneo maggiormente apprezzati a livello internazionale, nonché particolarmente abile nell’impossessarsi dei più celebri capolavori dell’arte, da Velasquez a Rembrandt a Matisse, per poi rielaborarli e riproporli in formati e materiali diversi.

La mostra, prima di un lungo percorso che porterà l’arte di Manolo in tutta Italia, è promossa dal Comune di Pietrasanta, dalla Fondazione Versiliana, START, in collaborazione con la Galleria d’Arte Contini di Venezia e Cortina d’Ampezzo.

Tag: #Mostra #Pietrasanta Mostre Valdés