MARMO TOUR A CARRARA, UN VIAGGIO LUNARE

17 marzo 2017

Il marmo, si sa, è da sempre sinonimo di lusso ed eleganza. Ma non vi è mai venuta la curiosità di entrare nell’utero del marmo? Lì dove questo materiale splendido giunge alla sua formazione e da dove viene estratto per essere portato a disposizione degli architetti e degli interior designer di tutto il mondo? Se la risposta è affermativa e la vostra sete di conoscenza non è ancora stata soddisfatta, è giunto il momento di affidarvi al Marmo Tour!

Dal 2003, infatti, a Carrara – patria, insieme, del marmo e dell’anarchia – si svolge quest’importante evento alla scoperta di un materiale, il marmo di Carrara, appunto, che è parte integrante della storia architettonica italiana. Attraverso l’esplorazione di una cava attualmente attiva, seguendo il Marmo Tour, si passeggerà lungo un percorso agibile a tutti. Un percorso interamente in marmo, ovviamente; così bello non ce l’ha nessuna cattedrale d’Italia.

Si tratta, nello specifico, di quella che è stata nominata “Galleria Ravaccione N. 84”. Una cava situata nel cuore dei bacini marmiferi di Carrara, situata tra due luoghi che custodiscono una piccola parte dell’immensa storia dell’arte italiana: da un lato, Ravaccione – appunto – che era il luogo prediletto da Michelangelo per la qualità del marmo estraibile, dall’altro Fantiscritti, luogo d’interesse per gli antichi Romani, i quali da questa cava tiravano fuori enormi quantità di marmo, ogni anno.

La conformazione attuale della cava si deve a Carlo Dell’Amico, un visionario, come tutti i pionieri. Sfruttando i preesistenti tunnel della “Marmifera”, ovvero il treno adibito al trasporto dei blocchi di marmo, egli inventò la tecnica di escavazione interna. Dal centro della montagna vennero, dunque, ricavate delle enormi stanze, gigantesche, di 2400 metri cubi. Stanze sostenute da colonne, che per statura sembra che siano state poste da lì da ciclopi. Sembra, all’interno della montagna, di perdersi nel centro della luna, con la fresca atmosfera, sempre tra i 15 ed i 17 gradi centigradi, un bianco candido tutt’intorno e l’effetto di sospensione del tempo assicurato.

Le visite, che prevedono anche una spiegazione tecnica sul taglio e sulle modalità di escavazione, potranno essere effettuate – nel mese di marzo – il sabato e la domenica, dalle 10 alle 17. Da aprile, le aperture saranno anche infrasettimanali.
Richieste di informazioni e prenotazioni, si possono effettuare direttamente dal sito del Marmo Tour. Fiondatevi!

 

Via MarmoTour

 

Tag: architettura CarloDellAmico Carrara cavaAttiva estrazione Fantiscritti GalleriaRavaccione84 marmo MarmoTour percorsoGuidato Ravaccione