Al via l’autunno con il miele della Versilia

23 settembre 2017

Miele della Versilia, una tradizione da rispettare

Le temperature si sono abbassate per sancire l’arrivo dell’autunno, perché non salutarlo con il miele della Versilia? Questo superfood apprezzato ed esportato in tutto il mondo, infatti, ha il sapore delle giornate di pioggia.

Sapevi che la Versilia è una ricca zona nettarifera e pollonifera? Grazie al lussureggiante territorio montano, è in grado di offrire una ricca produzione. Sia di vero e proprio miele, sia di polline d’api, che viene raccolto sui fiori a pochissimi km dall’apiario.

Prima del miele: il polline

Se non conosci le proprietà del polline, sappi che è in grado di combattere la stanchezza psicofisica grazie alle sue micro-componenti: niente male!

Le proprietà del miele: dosi quotidiane d’energia

Il miele, invece, ha caratteristiche ben più note.

Il tipo di energia che fornisce, provenendo dal glucosio, è utilizzabile in una finestra metabolica molto breve. E non solo: la componente di fruttosio che lo compone è in grado di rilasciare energia sul lungo periodo. È praticamente un combustile naturale per affrontare le fredde giornate autunnali!

Cosa differenzia il miele della Versilia da tutto il resto? Il suo sapore inconfondibile di bosco, castagno e tiglio, alcuni degli elementi principali toscani. E poi ammettiamolo: è un prodotto naturalmente sano e dall’aroma irresistibile.

Facciamo colazione con il miele della Versilia?

Se vuoi portare sulla tavola la tradizione versiliese, ecco una proposta che non ti deluderà.

A una tazza di caffè americano bollente, unisci una fetta di pane croccante – magari tostata – sui cui stenderai un velo di miele. La sua dolcezza è così intensa che ne basta davvero poco. Sbriciola delle noci e assapora lentamente.

Et voilà, la colazione bilanciata e ricca di gusto è servita.

Tag: #Versilia Miele